Impressioni ed espressioni, mostra antologica dell’artista Giovanna D’Agostino

Da  un’onirica fiaba orientale, con un brano di lussureggiante natura tropicale interrotta dalla figura di  un giovane cacciatore alle prese con la sua preda sotto l’occhio vigile di un coloratissimo pappagallo, opera prima del 1958, a  un vibrante Palazzo Donn’Anna d’impronta impressionista del 2017. Sono, questi, i due estremi dell’articolato percorso espositivo scandito da oltre 80 opere pittoriche che, riunite per l’occasione sotto il titolo Impressioni  ed  espressioni, a Napoli, Castel dell’Ovo dal 7 al 19 settembre 2017, raccontano la verve e la passione per l’arte di Giovanna D’Agostino.  

Una peculiare ricognizione del viaggio che dal  tempo dell’adolescenza in avanti, senza soluzione di continuità, la vede attraversare indenne le neoavanguardie degli anni Sessanta e tutto quello che ne viene dopo sino ai giorni nostri, mantenendosi fedele allo stile sin da subito privilegiato. Orientata  soprattutto  all’Impressionismo  e all’Espressionismo, difatti, è con uguale entusiasmo e varietà di spunti che Giovanna D’Agostino,  dopo un ampio  periodo  di  attività  e  ricerca  artistica,   ancora  coltiva  il  suo  estro  e  la  sua  passione  riversandoli  in  una  più  che   vasta  produzione.

Punto  centrale  della  rassegna  è  il  polittico  La  battaglia  degli  angeli,  5  tavole   del  1998  dedicate  ad  altrettanti  spiriti  celesti  –  l’angelo  di  allerta,  quello   con  la  tromba  e  quello  con  lo  scudo,  ancora,  quello  vincitore  e  quello  a   cavallo  –;  poi,  si  spazia  a  tutto  tondo.

Tra i suoi temi preferiti, cui ciclicamente fa ritorno, i ritratti alla famiglia e a se stessa e a tanti volti noti dello  spettacolo, della moda  e della  contemporaneità in genere da cui in vari occasioni è rimasta colpita;  tra  questo,  si  distinguono  il  grande  Eduardo  De  Filippo  (1964),  il   compianto  Massimo  Troisi (1997),  un intenso  Papa  Giovanni  Paolo  II   (1999),  la  bella  Carla  Bruni  (2008)  raffigurata  con  un’aura  da  Madonna,   l’intrigante  Morgan  (2009)  e,  ancora,  San  Gennaro  (2009)  ma  anche  San   Francesco  dei  quali,  sia  pure  con  una  discreta  introspezione  psicologica   restituisce  sue  visioni  personali;  ancora,  gli  episodi  e  i  momenti  della   tradizione  partenopea,  tra  cui  Tarantella  sul  Vesuvio  (2003)  e  La  Tarantella   di  Elena  (2010)  o  L’ultima  carrozzella  di  Posillipo – piazza  San  Luigi  (1995);   quindi,  vasi  di  fiori,  giardini  di  agrumi,  terrazze  panoramiche,  località  a  lei   particolarmente  care  quali  Piazzetta  di  Seiano  (1975),  la  Chiesa  e  il   campanile  del  Carmine  (2010).

Per  finire,  l’omaggio  ai  maestri,  dunque,  a   Caravaggio  con  Bacco  (1996),  a  Renoir  con  Le  bagnanti  (2013)  a  Degas  con   Ballerina  (2000)  e  a  tanti  altri  ancora  cui,  di  volta,  guarda  secondo   ispirazioni  che  si  tirano  l’un  con  l’altra,  per  associazione  d’idee,  situazioni,   emozioni  e  sentimenti.   Oltre  la  pittura,  poi,  anche  la  scultura,  in  argilla,  che  frequenta  in  maniera   più  alternata  ma  con  uguale  interesse  e  slancio,  che  formerà  occasione  di   una  successiva  mostra.